venerdì 15 novembre 2013

Le Bugie di Leone , sull'aumento sconsiderato del costo dell'appalto rifiuti il silenzio del segretario.

Leone e la sua giunta continuano a prendere in giro i cittadini di Policoro , infatti ieri  in
risposta al mio comunicato stampa  uscito sul quotidiano della  Basilicata, il sindaco risponde che l’aumento (oltre 700 mila euro ) del costo della spazzatura è dovuta all’adeguamento ISTAT , una giustificazione incredibile di chi lo è o fa finta di esserlo , in quando l'adeguamento dovrebbe riguardare  una somma di circa 50 mila euro (il 3% nel 2013 dati ministero economia e dello stesso istituto) poi  ci dovrebbero (il sindaco non lo sa ) essere altri adeguamenti non prevedibili , l’aumento contrattuale della manodopera (anche questa ferma in quando i contratti non sono stati rinnovati ) e la eventuale differenza del costo della discarica ,  tutto questo dovrebbe essere determinata in modo analitico dagli uffici e autorizzati con atti formali del dirigente o come fanno molti comuni anche dal consiglio comunale  , sono atti propedeutici al riconoscimento dell’adeguamento , specie se questa supera (vedi corte dei conti veneto , Lombardia , campania , consiglio di stato )il 10% dell’appalto, ma che secondo noi e poi lo dimostreremo voce per voce , non giustifica , l'attuale aumento che non a caso abbiamo chiamato un vero furto tutto a discapito della collettività. 

Infatti il comune di Policoro non ha mai adottato  nessun atto di riconoscimento delle variazione del costo dell’appalto se non accennarlo nelle determine di pagamento , questo ,  come il fatto che caricano sul  costo della fiscalita generale della TARES l’ illegittimo conferimento della nomina del DEC (18 mila euro) e quello del legale che ha assistito alla rescissione del capestro contratto (circa 5 mila euro) senza attingere tra l’altro dall’albo comunale  sono circostanze che sottoporremo alla corte dei conti e segnaleremo al segretario come responsabile del monitoraggio del piano triennale anticorruzione. Ma niente di strano questo è il comune che assegna con determina  un incarico per la redazione di un nuovo piano della raccolta dei rifiuti , prima della rescissione di un qualsivoglia contratto , in assenza di qualsivoglia delibera in base alla lettera di indirizzo del Vice Sindaco, che tra l'altro non ha la delega all'ambiente , che ormai esautora il sindaco assente ed inconsapevole ma anche le  elementari regole sancite dalla legge. Chi sono i beneficiari di questo diciamo casareccio provvedimento , indovinate un po’ il messia delle alpi quello che prima dell'incarico tiene una conferenza nel sede dei Trenta  , e che fa il segretario ? Chiamiamo in causa il segretario perché siamo consapevoli oggi più di ieri che la legge gli attribuisce nuovi poteri di controllo e  responsabilità, e gli chiediamo di fare fino in fondo il proprio dovere . senza nessuna reticenza o omissione , sappia che le stupide e volgari provocazione di questa giunta di Banboccioni non ci intimidiscono ne tanto meno siamo disponibili a rispondere ai loro atteggiamenti da squadristi di cui abbiamo avuto una dimostrazione l'altro giorno in consiglio,  abbassando la testa , sappiano che  a differenza di qualcun'altro che siede senza l'investitura popolare e gestisce maldestramente i nostri soldi , abbiamo l'investitura del 7,48 % dei cittadini che liberamente ci hanno votato e che noi a differenza di Leone e la sua compagine rispettiamo sempre la parola data , che è quello di fare opposizione a salvaguardia degli interessi di questa città, costi quel che costi.
domani 3° parte il tormentone Di Pierri