venerdì 13 febbraio 2009

TUMORI, SCORIE E PETROLIO

La vicenda dell'Itrec ci ha insegnato ormai tante cose su questa Regione.
Gli amministratori regionali rassicurano sempre su tutto, ma non mostrano mai i dati, e ci riferiamo al famoso registro tumori. sempre richiesto ai tavoli della trasparenza dalle associazioni e dai movimenti e mai illustrato dal presidente De Filippo, che ha sempre rassicurato sulle statistiche e sulla media dei tumori in Basilicata.Gli unici dati reali e inconfutabili invece sono i soldi che si spendono per fare monitoraggi che presentano invece grosse lacune (vedi gli inquinanti petroliferi non monitorati costantemente e gli inquinanti che si controllano, ma non si pubblicano, come l'idrogeno solforato, gli IPA ed i COV ), e che non portano da nessuna parte se non per giustificare l'operato delle istituzioni nei confronti dei cittadini per le attività petrolifere, le discariche e tutte le altre attività inquinanti autorizzate dalla Regione Basilicata. I monitoraggi restano un palliativo quando i limiti di emissioni italiani dell'industria petrolifera come nel caso dell'idrogeno solforato sono addirittura 6000 volte superiori a quelli dell'OMS organizzazione mondiale della sanità (0,005 ppm secondo OMS contro i 30 ppm dell'industria petrolifera italiana), o come il caso della diossina generata da inceneritori e industrie siderurgiche. I monitoraggi dell'Itrec chiesti da oltre cinque anni si riassumo in quattro numeri incrociati vecchi di oltre un anno(10/2007) sul sito della Regione Basilicata sez.tavolo della trasparenza. Poi ci sono sempre le rassicurazioni del responsabile Arpab, che, però non fa il bagno in tutti i mari e i fiumi lucani, che non beve l'acqua di tutte le dighe e che non respira l'aria di tutta la regione. All'Itrec manca ancora il piano di emergenza nucleare esterno per tutelare le popolazioni ora che entrano nel vivo le operazioni di decommissionng; non è stata mai fatta un’'indagine epidemiologica e gli incidenti classificati come malfunzionamenti non sono mancati in questi ultimi anni (vedi fossa irreversibile e condotta a mare).
.E' conclamato che chimica e radiazioni sono le principali cause ambientali scatenanti delle malattie tumorali. Controllare il grado di inquinamento per scoprire che ci ammaliamo non è il massimo. E’preferibile limitare le emissioni alla fonte con una legge regionale per gli inquinanti petroliferi, la diossina e le radiazioni ionizzanti dell’Itrec.
La curva dei tumori regionali rispetto a quella nazionale tende a salire e l'assessore alla Sanità, Antonio Potenza conferma in teleconferenza del 11.02.2009 che avremo il punto di pareggio nel 2010, ossia l'anno prossimo e magari tale limite lo si supera negli anni successivi.
Bel traguardo che si presta a raggiungere una regione agricola e turistica, dai prodotti biologici.
Bel regalo a tutti i lucani che sono andati via per mancanza di lavoro e a quelli che restano e che si ammalano, mentre a scoprirlo sono le indagini nazionali. Nella teleconferenza regionale ci ha colpito la "leggerezza" con cui si parla di queste malattie come se fossero numeri e statistiche delle indagini sui gradimenti televisivi . Sicuramente sarebbe molto istruttivo proporre un viaggio agli amministratori e politici regionali tra i malati del CROB o degli Hospice regionali dove sì tocca con mano la sofferenza di chi non avrà più un futuro e di tutti i familiari che soffrono vicini ai propri cari. Per cui fanno bene i lucani ad opporsi alle attività estrattive, alle discariche e tutte le attività inquinanti che la classe politica regionale permette di realizzare in questa regione alle lobby e multinazionali che depredano il territorio e non portano alcun beneficio alle popolazioni locali. (Trisaia No Scorie)

5 commenti:

  1. perche non organizzate qualche manifestazione per l'enea di rotondella?
    visto che ci sono anche delle associazioni contro il nucleare?
    grazie ciao

    RispondiElimina
  2. giovani comunisti-policoromartedì, 24 febbraio, 2009

    insorgere nasce spontaneo, se le associazioni aspettano vuol dir e che non gli sta a cupre il problema. Rifondazione più volte ha organizzato delle manifestazioni, poi durante lo svolgimento le associazioni e in primis il Sig. Felice , iniziavano ad attaccare i partiti.
    vennero in piazza senza nulla, schotch, forbici, microfono ecc, addirittura si presero le batterie del microfono.
    per me il nucleare è un problema ....ma anche le associazioni.

    RispondiElimina
  3. vedo che qst articolo è firmato da no scorie....non dare spazio a qst elementi che vogliono appoggi dappertutto e non vogliono dare nulla.Non ci hanno aiutato quando c'erano le elezioni."non vogliamo schierarci"dicono e allora......perchè la politica,anche se il fine è comune, dovrebbe collaborare con questi!Facciamo la fine di scanzano, i partiti lavoravano e poi arriva bonfantino e stiglini e fanno i padroni, e noi attivisti politici e privati dovevamo stare zitti perchè parlavano solo loro.....PER PIACERE FINE UGUALE MA STRADE INDISSOLUBILMENTE DIVERSE!

    RispondiElimina
  4. ben detto bob!
    cari ambientalisti spiegateci ora alla luce di quest commenti che intenzioni avete......
    1 !L'OPPORTUNISMO SPUDORATO

    RispondiElimina
  5. Il fine è certamente comune ma aumentare le divisioni , con queste sterili prese di posizioni non gioverà a nessuno.
    I commenti sono abbastanza veritieri ma facciamo due passi aventi , per avanzare proposte. Se si sviscera il problema prima che nasca tutto sarà più facile, all'ultimo momento è normale che qualcuno voglia primeggiare, così come è successo a Scanzano.

    RispondiElimina