domenica 28 settembre 2008

"Ora sul caso Marinagri temo per la mia vita"


F. Mele
Si temo per la mia vita, ma non ho paura.Continuerò nella mia battaglia per la verità su toghe Lucane e Marinagri.Così ,Ottavio Frammartino,segretario provinciale del PRC, dopo le polemiche incandescenti scoppiate tra il suo partito ed i gruppi che sostengono il sindaco Nicola Lopatriello (PDL), dopo la sentenza con cui la cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso a Marinagri spa tendente al dissequestro del cantiere della "Venezia del Sud"
"le dichiarazione che ho letto ieri sulla gazzetta e quello che mi hanno riferito, sono inquietanti nei miei confronti. Sono preoccupanti per la mia incolumità poiché vengo additato come un pazzo. E la tecnica della delegittimazione dell'avversario politico. La stessa tecnica messa in atto in Sicilia contro Mauro Ristagno, assassinato dalla mafia. La storia ci ha insegnato che temere per la propria vita significa non aver paura ma essere prudenti. Ed io tengo alla mia vita e ai miei ideali.

E vero che ha ricevuto delle telefonate minatorie?
Non posso rispondere adesso.lo riferirò alle autorità competenti.
Si e rivolto ad un legale per far valutare le dichiarazioni rilasciate contro di lei se contengono o meno ipotesi di diffamazione ?
Le denunce per diffamazione non si annunciano si presentano.Altri stanno annunciando querele contro di me.Il sindaco ad esempio, va dicendo che mi querelerà per diffamazione.Spero solo che lo faccia con i soldi suoi e non con quelli dell'amministrazione, come in un'altra circostanza.

Ha intenzione di informare di queste vicende le forze dell'ordine e la magistratura?
Stiamo valutando

Ma cosa vuole da toghe lucane e da Marinagri?
La verità.Noi siamo garantisti fino in fondo ma Lopatriello non può mistificare tutto dicendo che il Procuratore aveva chiesto il dissequestro di Marinagri.Il Pg aveva chiesto di rimettere la decisione ad un nuovo riesame a Catanzaro.

Il sindaco Lopatriello di cui lei chiede le dimissioni,ha dichiarato di essere uscito da Toghe Lucane sia per l'ipotesi di reato di corruzione sia per quello di falso ed abuso
Glielo lo auguro-ha concluso Frammartino ma noi sappiamo che egli è uno dei 33 indagati dell'inchiesta già condotta da Luigi De Magistris




9 commenti:

  1. Onore ad una persona che ha il coraggio di chiedere la verità.

    RispondiElimina
  2. ti esprimo la mia solidarità personale.
    Ciccio Lattarulo

    RispondiElimina
  3. Compagno siamo con te e con la verità.pagheranno tutto e caro

    RispondiElimina
  4. marinagri non può altro che portar bene in una regione morta come la nostra..
    ecco perchè non si cresce mai.. ma fatemi il piacere..
    poi ci si lamenta e c'è gente che in basilicata muore di fame.

    RispondiElimina
  5. marinagri non può ch eportare cose positive in basilicata..
    Ma fatemi il piacere, invece di mettere i bastoni tr ale ruote pensate a chi muore dalla fame in quest aregione morta..
    Poi la gente si lamenta che non riesce a portare lo stipendio a casa..
    eccerto ottavio caro, tu lo stipendio cel'hai.
    COMPLIMENTONI.

    RispondiElimina
  6. la verità e la ricerca della giustizia dovrebbero essere nel DNA di tutti noi.La verità è un'altra,che in Basilicata esistono le lobby degli interessi edei poteri forti.I lucani sono un popolo di pecoroni pronti ad inchinarsi al potente di turno.

    RispondiElimina
  7. Anche la mafia può portare bene a chi muore di fame. E allora la dobbiamo accettare ?

    RispondiElimina
  8. un' amico dei tarsiavenerdì, 03 ottobre, 2008

    tutti stanno con marinagri perchè sono convinti che si possono sistemare..... anche con l'illecito.W l'illegalita.

    RispondiElimina
  9. Ottavio lo stipendio ce l'ha ma ce l'avranno sempre gli stessi con marinagri, le liste di lavoratori gia sono fatte.A marinagri sono ammanicati tutti da Nigro a Bubbico.....ci siam capiti

    RispondiElimina