martedì 24 febbraio 2009

Gli interscambi tra Basilicata e Calabria secondo Travaglio

Dolcino Favi il magistrato anti De Magistris potrebbe essere nominato al posto del procuratore Generale di potenza Tufano. Il commento di Marco Travaglio su questa eventualità
«AH però, mica male… bella!». La notizia della nomination di Dolcino Favi alla procura generale di Potenza raggiunge Marco Travaglio alla stazione, appena sceso dal treno. Come la commenta? «Un indagato per corruzione giudiziaria che diventa procuratore generale nel luogo dove De Magistris aveva scoperto altri casi di malagiustizia è l’ideale. Dev’essere una specie di cura omeopatica. E’ affascinante quello che succede». La curiosità cede al piglio del moralista. Parte con un monologo dei suoi,tutto sul tema del paradosso. «Dopo che hanno mandato via De Magistris e tutti quelli che lavoravano con lui mi sembra che quello che succede adesso è assolutamente coerente, nel senso che quel sistema lì non doveva essere toccato, anzi va incrementato. Mi pare che questa sia la logica: c’era un intreccio tra politica, affarismo, poteri occulti, e mala magistratura, e invece di mandarevia i protagonisti di questo intrecciohanno mandato via quello che l’aveva scoperto. La nomina di Favi ne è un po’il coronamento». Il paradosso appunto. «Spero che prima o poi facciano anche Saladino governatore della Calabria o della Basilicata. Potrebbero mettere Saladino alla regione Basilicata, e Margiotta alla regione Calabria». Bisognerebbe trovare un posto anche per il sindaco di Matera Emilio Nicola Buccico, che ai tempi si espresse per la nomina di Dolcino Favi all’avvocatura dello Stato a Catanzaro. «Lo vedo un po’ sacrificato, effettivamente. Sindaco di Matera mi pare un po' poco. Io lo metterei alla vicepresidenza del Csm. Quando scade Mancino potrebbero mettere lui. Metterei anche Tufano alla procura generale di Catanzaro, a indagare sui magistrati di Potenza, oppure direttamente a Salerno a indagare sui magistrati di Catanzaro che indagano sui magistrati di Potenza. Io sono per rendere estremamente chiaro il paradosso italiano in modo che prima o poi qualcuno dall’estero si decida a commissariarci, anche perché in quelle zone arrivano fiumane di denaro pubblico ». Vincenzo Tufano ha diretto la procura generale per dieci anni, quindi per legge non può ricoprire un altro incarico dirigenziale. «Vuol dire che si farà una legge come quella che ha riportato in Cassazione il giudice Carnevale. Perché quei magistrati lì… ad averne…finché respirano…». E’ un piccolo risiko. «Poi naturalmente io arresterei De Magistris, perché lasciato in libertà è ancora troppo pericoloso bisogna metterlo in cella di isolamento così sta zitto». In conclusione? «Io sono favorevolissimo, perché la vergogna diventi talmente enorme… come quelle vesciche piene piene piene…. come la rana che si gonfia si gonfia si gonfia e alla fine esplode. Bisogna portare questo sistema
alle estreme conseguenze per farlo esplodere, e se si potesse farei una petizione affinché Dolcino Favi concludesse degnamente la sua carriera lì da voi». Vuole negargli l’ermelli - no? «No, figuriamoci e poi le benemerenze che questi giganti della magistratura hanno accumulato meritano il giusto premio ». Poi c’è un processo a Palermo in
cui il procuratore generale in pectore è stato coinvolto per rapporti con alcuni mafiosi. «E quelle son benemerenze. Infatti il Csm non ha mica aperto una pratica immediata come l’ha aperta con la Forleo, con De Magistris, o i giudici di Salerno. Non se ne sono ancora accorti. Forse aspettano di nominarlo e poi diranno: Ops! C’eravamo dimenticati che c’erano queste questioncelle. Uno che è stato appena perquisito con l’accusa di corruzione in atti giudiziari secondo me deve essere promosso e deve anche restare in zona. E’ lì che deve esplicare il massimo delle sue potenzialità (Leo Amati Il Quotidiano)

3 commenti:

  1. Qual'è il problema siamo in Italia!

    Solo ed unicamente l'accrescere della coscienza critica e l'avvicinamento alla politica , da parte di tutti i ceti , pùò evitare tutto questo.
    Finche faremo chiecchiere, indignandoci, nulla cambierà.

    RispondiElimina
  2. Visto che abbiamo un nuovo segretario del PD e visto che è anche un ex DC, perchè non suggerisci a quel simpaticone del Dott. Palmieri di scrivere una nuova lettera al nuovo segretario, magari questo da qualche parte lo candida! .... a meno che, nel frattempo, il buon dottore non abbia cambiato nuovamente idea!

    RispondiElimina
  3. anarchia...adesso è troppo!mercoledì, 25 febbraio, 2009

    un magna magna in basilicata mai visto altrove, si trovano tracce di un sistema così frse solo a babele. cacciamoli a calci nel cul......adesso credo che se vogliamo una giustizia davvero giusta dobbiamo opporci a questa becera manovra.Non appena i giuduici hanno messo le mani dove non dovevano, perchè andavano a ledere le basi di un clientelismo efferato, subito sono stati inquisiti e allontanati.
    la giustizia fa , forse, il suo cpmpito solo per la povera gente , la casta è fuori e se si indaga ecco i risultati.
    nessuna legge nessuno stato

    RispondiElimina